Chiacchierando di caffè
1 dicembre 2016

Il prezzo di un espresso al bar

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un’omologazione del prezzo di vendita di una tazzina di caffè espresso al bar: in certe zone d’Italia il prezzo continua ad essere inferiore all’euro, mentre in altre da lungo tempo il prezzo di 1 euro costituisce una barriera che sembra insormontabile.

Il rapporto tra nord e sud d’Italia inoltre non è scontato come sembra: se è vero che prezzi inferiori all’euro si registrano soprattutto al sud, è altrettanto vero che in queste zone il prezzo del cappuccino è spesso più alto rispetto al centro e nord Italia, contribuendo a migliorare la redditività globale del caffè per la caffetteria in termini di euro di incasso per kg di caffè utilizzato.

Ma ciò che accomuna tutto il Bel Paese è la penalizzazione che subiscono sia quei baristi che si impegnano per proporre prodotti migliori e migliori attenzioni professionali al consumatore, sia le torrefazioni che investono sulla qualità vera del caffè, senza poter però praticare prezzi troppo distanti da quelli praticati dalle torrefazioni più commerciali.

Educare il consumatore per aumentare la qualità del caffè espresso

Siamo dell’idea che questo meccanismo vada sbloccato. Per far ciò occorre innanzitutto educare il consumatore, facendogli percepire che l’espresso non è sempre uguale, che ci sono caffè di qualità completamente diverse, che vale la pena spendere qualcosa in più per avere un espresso migliore. Lo stesso ragionamento che quasi tutti ormai fanno di fronte alla scelta tra diverse bottiglie di vino deve diventare abituale anche di fronte alla scelta tra diversi caffè. Sarà lo stesso consumatore poi a guidare la rivoluzione, cercando e pretendendo un espresso di qualità.

Il barista che si trova tutti i giorni di fronte ai propri clienti è sicuramente colui che ha le maggiori possibilità di stuzzicare il consumatore su questi temi. Compito della torrefazione è quello di fornire al barista un caffè che unisca una storia da raccontare e la qualità reale del prodotto. Da questo discende quanto sia determinante la fornitura di un supporto in termini di formazione e informazioni che agevoli il barista nello svolgimento di questa sua opera di informazione e promozione. Una squadra così formata, composta da torrefattore e barista qualificati, ha le possibilità di avviare un sostanziale cambiamento delle abitudini di consumo dell’espresso al bar.

Potrebbe interessarti anche…